Shock in Costiera : indagini a tappeto sugli impianti di depurazione

A quanto si apprende da fonti giudiziarie, un vero e proprio terremoto si sta abbattendo sulla costiera Amalfitana a poche settimane dall’inizio della stagione turistica.

La notizia dei sequestri agli impianti di depurazione di alcuni paesi e delle indagini in corso su altri, designa uno scenario devastante per il nostro territorio, un danno di immagine incredibile, ma sopratutto una gravissima preoccupazione per la salute delle nostre acque e degli abitanti della costiera.

In attesa di vedere le carte delle indagini, con le rilevazioni incriminate che supererebbero di molto i valori limite consentiti, noi del gruppo di Positano Nuova andremo fino in fondo a questa vicenda e terremo sempre informati i nostri concittadini, come sempre abbiamo fatto.

Durante la scorsa campagna elettorale abbiamo piu’ volte sollevato il problema della depurazione delle nostre acque e dei rapporti con i paesi vicini in tema, perche’ e’ chiaro che un mare sporco a Praiano piuttosto che a Conca o Furore e’ un mare sporco anche a Positano, e chi dice il contrario mente sapendo di mentire.

E vorremmo sapere ancora con quali criteri si rilascia la bandiera blu, ma sopratutto chi sono i responsabili di tutto questo disastro? E chi sono coloro che avrebbero dovuto controllare? E perche’ non hanno controllato?

Sono tutti interrogativi questi, a cui speriamo che i magistrati diano risposte univoche ma sopratutto veloci.

Noi siamo e saremo sempre garantisti, e non e’ nostra educazione esprimere condanne preventive, poiche’ la magistratura fara’ il suo corso, e solo al momento del giudizio definitivo si tireranno le dovute somme.

Speriamo con tutto il cuore che Positano sia estranea a questo disastro ( anche se il procuratore Lembo nella sua conferenza stampa ha nominato solo Vietri come Comune in regola), ma,se anche fosse, continuiamo a contestare nel merito la scelta di costruire un anfiteatro/piazza esattamente al di sopra dell’impianto di depurazione, che, a proposito, vorremmo sapere quando verra’ consegnato visto che si parlava di 31 dicembre 2015.

Un’amministrazione responsabile avrebbe sicuramente dovuto avviare la progettazione per spostare o almeno ammodernare e render efficiente il nostro impianto di depurazione, piuttosto che aggirare il problema ingabbiandolo nel cemento e nel ferro.

Partecipa alla discussione

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...