Comunicato ufficiale 

Comunicato ufficiale gruppo opposizione Positano Nuova del Consiglio Comunale del 03-10-2017

Anche questa volta si è persa la possibilità di dimostrare che il dialogo tra forze politiche può realizzarsi.

Ieri, 3 ottobre, si è tenuto il Consiglio Comunale, con vari argomenti all’ordine del giorno.

Tra questi, all’esame del consiglio vi era la proposta dell’opposizione di istituire delle commissioni per affrontare alcune delle problematiche storiche di questo Paese, come ad esempio la gestione del piano di sicurezza comunale in caso di eventi disastrosi, le sistematiche difficoltà nella gestione dei servizi complementari al turismo ed alla cultura.

Sono ormai mesi, se non anni, che la minoranza chiede l’istituzione di queste ed altre commissioni, volte principalmente ad accogliere i cittadini all’interno delle istituzioni, e a dar voce a quella parte di popolo che noi rappresentiamo e che, a quanto dimostrato, non interessa al gruppo di maggioranza.

Ieri, avendo già ricevuto un rifiuto per iscritto all’ istituzione di queste commissioni abbiamo volutamente abbandonare l’aula in segno di protesta.

Riteniamo che si sia persa una grande occasione per discutere finalmente di argomenti seri, nell’interesse del Paese.

Noi comunque non abbiamo intenzione di rassegnarci, continueremo a presentare le nostre proposte, e prima o poi Riusciremo ad ottenere, come giusto che sia per il Bene Comune, una sana e costruttiva discussione nel merito

Infine, il gruppo di opposizione tiene a fare i propri auguri di buon lavoro alla nuova commissione edilizia appena nominata.

Il Comune perde la sospensiva sul pedaggio agli autisti esterni!

L’amministrazione comunale Positanese ormai si sta distinguendo sempre più per le figuracce che fa fare a noi e al nostro Paese.

E’ notizia di pochi giorni che il Comune abbia perso la discussione sulla richiesta di sospensiva del provvedimento che tassava gli autisti “di fuori” per l’ingresso nel Paese.

Non ci voleva un genio a capire che un provvedimento fatto letteralmente con i piedi come quello avrebbe avuto vita breve.

In linea di principio, ma come si puo’ pensare ancora di imporre limitazioni di concorrenza all’alba del 2017 ?

Invece di puntare a risolvere il problema di un traffico asfissiante, il Comune cosa fa?

Si va a buttare in una guerra giudiziaria inutile, e sicuramente perdente.

Un provvedimento completamente senza senso, che ha creato un mare di problemi logistici a tutti, Positanesi e non, in cambio praticamente di elemosina, e naturalmente neanche un minivan in meno; provvedimento che ovviamente non ha risolto nulla, ma che ha fatto solo incollerire lavoratori che giustamente vivevano questa limitazione come un’ingiustizia.

Siamo ormai veramente arrivati alla frutta!

Sarebbe bastato semplicemente imporre una zona traffico limitato a fasce orarie per il centro del Paese, istituendo un servizio navetta elettrica continua, pulita ed efficiente, e non ci sarebbero stati problemi.

E avremmo donato a tutti 5/6 ore ql giorno di pace.

Si poteva inoltre pensare di togliere le auto parcheggiate dalla strada interna per il periodo estivo, in modo da rendere piu agevole l’afflusso di veicoli, ma poi chi glielo avrebbe spiegato ai cittadini votanti, vero Sindaco?

Perche’ l’obiettivo e’ ottenere il consenso a tutti i costi, non di certo risolvere i problemi di questo paese.

E cosi mentre a mare, grazie alla sciagurata decisione di Capitaneria di Salerno e Comune di Positano, si fa di tutto per incrementare un turismo di massa che non serve a nulla, autorizzando un ulteriore punto di fonda per nuovi sbarchi di turisti mordi e fuggi, a terra invece si colpevolizzano gli autisti esterni al Paese, come se poi non portassero anche loro gente a Positano.

Vergogna!!!

Pensassero a risolvere davvero i problemi della gente invece di giocare con le vite e i lavori delle persone!

Altrimenti che si dimettano!

Luca Vespoli

Capogruppo Minoranza

Tiriamo le somme dopo il consiglio Comunale

Per l’ennesima volta ormai Ci viene presentato un Rendiconto di gestione con i conti in ordine  come se si fosse fatto chissà quale miracolo. Nessuno dice che in realtà il bilancio comunale chiude in attivo da oltre venti anni, per merito innanzitutto dei cittadini che lavorano e pagano le tasse.

Non si dice invece che il risultato di quest’anno, il 2015,  segna un peggioramento nell’equilibrio di bilancio di oltre 350.000€, peggioramento dovuto a minori entrate e a maggiori spese, come del resto non ha mancato di sottolineare il revisore dei conti.

Eppure abbiamo suggerito a questa come alla precedente amministrazione di istituire, ad esempio, la tassa di soggiorno, grazie  alla quale avremmo la possibilità di reinvestire come minimo un milione di Euro  ogni anno nel nostro Paese, eppure tutto tace, si continua a fare orecchie da mercante, senza che si capisca peraltro il perché di questa presa di posizione.

Cio’ perché un paese come il nostro  merita continui investimenti strategici nelle infrastrutture, nella logistica, nei trasporti; invece qui l’unica infrastruttura che si può vedere in 6 anni di amministrazione è l’inauguranda piazza dei Racconti; una piazza che, parliamoci chiaro, ci sarebbe potuta anche stare, magari come scalo merci della spiaggia,(e non sicuramente come anfiteatro), se solo qualcuno avesse prima pensato a risolvere il problema della puzza che continua a sentirsi dal Depuratore.

O Vogliamo parlare dell’odore ancor più sgradevole  che si sente in alcune zone del paese in determinati orari, come ad Esempio Liparlati oppure spiaggia grande ?

L’ampliamento della casa comunale doveva finire in un anno ( nel 2010); ancora, purtroppo non se ne vede la fine.

Del parcheggio con ascensore a palazzo Perrella non se ne sente più parlare.

La strada di Montepertuso è sempre uguale e nessuno ha fatto nulla per risolvere il problema della presa in gestione. Intanto, senza di colpo ferire, scompaiono alcuni posti auto residenti di fondamentale importanza, mentre si preservano “altri” posti auto che mai si sarebbero dovuti concedere.

Perché quest’amministrazione parla soltanto quando fa mezza cosa buona? Il resto non interessa? Non  interessa rispondere ai cittadini che pongono continuamente domande sulle loro mancanze, non interessa rispondere all’opposizione. L’atteggiamento ormai è del qui comando io, tutti zitti e che nessuno si lamenti!

Noi dell’opposizione non vogliamo innescare polemiche, lo stiamo dicendo in tutti i modi possibili: noi vogliamo solo il bene del Paese e siamo qui per cercare di fare qualcosa di concreto. Allora iniziamo a parlare dei problemi veri del paese e di come risolverli.

Abbiamo chiesto l’istituzione delle commissioni consiliari composta da maggioranza e minoranza per poter dare una mano e snellire il lavoro amministrativo. Ma sino ad oggi non c’è stata risposta.

Abbiamo chiesto l’istituzione di una commissione mista, composta da cittadini, tecnici e rappresentanti delle istituzioni per sanare rapidamente le brutture del paese; anche qui nulla, neanche un cenno.

Abbiamo chiesto di modificare alcuni regolamenti in senso più democratico, nulla ancora. Eppure rappresentiamo oltre 1000 cittadini in questo Paese.  Ripetiamo, non abbiamo voglia di fare polemiche, vogliamo solo il bene del paese.  

 Ma quest’amministrazione non ci sente, anzi, non vuole sentirci, come non vuole ascoltare nessuno.

Noi crediamo che sarebbe davvero necessaria una bella ventata di Democrazia in questo paese.

 

Positano Nuova